Erice, sita sulla vetta dell'omonimo monte nell'estremità nord-occidentale della Sicilia, è un'affermata meta turistica siciliana che si trova a pochi minuti dal b&b monile. Conserva praticamente inalterato il suo tessuto urbanistico/architettonico medievale. L'impianto urbano, di forma triangolare, è delimitato a Ovest dalle cosiddette "mura ciclopiche", di origine elimo-punica, intervallate da una serie di torrioni e da tre porte di età normanna: Porta Spada, Porta del Carmine e Porta Trapani. Nella parte sud-orientale dell'abitato troviamo il "Giardino del Balio", la Torretta Pepoli - costruita in età normanna ma ampiamente modificata nel corso del 1800 -, e il Castello Normanno è comunemente chiamato "Castello di Venere" -, una fortezza risalente al XII secolo che insiste sull'area in cui anticamente sorgeva il santuario di Astarte/Afrodite/Venere Ericina.

 

 

Diverse sono le chiese ericine: ricordiamo, tra le tante, le chiese di San Martino, di San Cataldo, di San Giuliano, di San Giovanni Battista e, infine, la Matrice. Quest'ultima, dedicata all'Assunta, fu eretta nel XIV secolo, ma nel corso dei secoli ha subito diversi rimaneggiamenti al suo interno. Il Municipio di Erice ospita il Museo Civico "A. Cordici" - al cui interno sono custoditi diversi reperti punici, greci, romani e medievali - e la Biblioteca "V. Carvini", nota per i preziosi manoscritti del XVI-XVII secolo. Nella cittadina, infine, ha sede il Centro di Cultura Scientifica "Ettore Majorana", un polo di eccellenza nel campo della ricerca scientifica a livello internazionale.

 

Vai all'inizio della pagina